A cura di Claudio, Maria Chiara e tutta la Comunità di Faenza

Cari tutti,

finalmente riusciamo a scrivervi riguardo alla conferenza dell’11 marzo, che ci sembra andata bene!

Nonostante qualche problema tecnico, gli interventi sono stati apprezzati. Ha funzionato la suddivisione in due parti: la prima più accademica/tecnica, curata da Maria-Gabriella, la seconda più concreta, caratterizzata dal dialogo in diretta Skype con Livio e impreziosita dai contributi video sulla Bertola Srl (“Benedetta Economia” del 9 dicembre 2018) e sull’esperienza di Ecopesce (“La sfida di Maurizio e Roberto”) . Altro buon risultato è stato di aver mantenuto la durata entro 1h 45′, il che ha sicuramente evitato di appesantire troppo l’incontro.

Abbiamo stimato una partecipazione di 35÷40 persone, di cui forse una decina non facenti parte dell’Opera. Trattandosi di un’iniziativa della Diocesi speravamo in una partecipazione maggiore della cittadinanza, tuttavia siamo rimasti colpiti della presenza di così tanti interni, anche dalle città limitrofe, che hanno vissuto un importante momento di formazione. In questo “dopo-Chiara” infatti, vediamo che, se dall’esterno è sempre più riconosciuto il valore delle realizzazioni dell’Opera, da parte degli interni c’è la tendenza a perdere di vista l’origine e lo scopo delle inondazioni, così come la loro capacità di creare occasioni per tessere relazioni positive. Percepiamo un bisogno enorme di formazione e coinvolgimento in queste realtà, il cui scopo è proprio quello di costruire ponti tra modi di pensare apparentemente inconciliabili e mettere in connessione le persone che credono nel bene comune. Perciò, se anche una sola persona, interna o meno, è tornata a casa avendo nel cuore l’EdC, allora pensiamo di aver raggiunto il nostro scopo.

Tra il pubblico segnaliamo, ad ogni modo, la partecipazione di Pier Domenico Laghi, responsabile della Cooperativa Sociale CEFF di Faenza, che si occupa di percorsi di formazione e inserimento lavorativo per persone con disabilità, in condizioni di fragilità o di svantaggio sociale, e di Andrea Tampieri, Presidente del Gruppo Tampieri, una delle realtà imprenditoriali più importanti di Faenza. Il primo, rivolgendosi a Livio, ha chiesto come, concretamente, si può fare in modo che collaboratori e dipendenti sposino lo stile dell’EdC, mentre il secondo, tramite messaggio, si è complimentato per l’iniziativa, ringraziando per gli spunti di riflessione che ne ha ricavato.

Purtroppo non abbiamo pensato di raccogliere le impressioni all’uscita, ma ve ne riportiamo tre che ci sono pervenute tramite Whatsapp:

  • “Bella serata! Con spunti di riflessione. Complimenti anche per l’organizzazione e la perfetta conduzione.” (Andrea, imprenditore di Faenza)
  • “Sempre più motivati. Davvero una bella testimonianza.” (Davide, Russi)
  • “Ieri sera ho ascoltato la testimonianza di Livio Bertola, imprenditore EdC, davvero notevole. Oggi lavoro con un altra motivazione.” (Daniele, Russi)

Abbiamo raccolto alcune foto, che potete vedere di seguito, insieme all’articolo pubblicato qualche giorno prima su “il Piccolo”, settimanale Diocesano con cui collaboriamo da molti anni:
2019.03.11 Faenza - Incontro EdC e AIPEC Pastorale
Grazie ancora di tutto!

CONDIVIDI › Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page