Pubblichiamo di seguito l’intervista dal titolo “LA FORZA DELL’INCOSCIENZA” realizzata dal blog laforzadicambiare.it al Presidente AIPEC Livio Bertola, buona visione.

“L’incoscienza nelle mie scelte è la mia forza perché mi sento inadeguato e se ce la faccio io a far emergere il buono che c’è nell’impresa penso che ce la possono fare tutti”. Si presenta così Livio Bertola, imprenditore di Marene (Cuneo), tra i fondatori e presidente dell’Associazione Italiana Imprenditori per un’Economia di Comunione (AIPEC).
Sessantuno anni, sposato da 35 anni con Teresina, padre di tre figli naturali Paolo, Caterina, Marco e una quarta, Lia, adottata dopo un lungo affidamento, Livio è alla guida dell’azienda galvanica fondata nel 1946 dal padre Antonio e dai suoi fratelli. Ha iniziato a lavorare in fabbrica con mansioni legate al suo diploma di perito elettrotecnico, ora è presidente e amministratore delegato.
L’economia com’è adesso, sostiene, non può bastare. Dobbiamo tornare alle radici dell’economia europea: l’impresa va considerata anche in funzione degli altri, come bene sociale del territorio in cui opera. A fargli cambiare vita l’incontro con Chiara Lubich nel 1991 e il suo progetto Economia di Comunione, accolto in Europa e in altre parti del mondo. Di qui l’Associazione italiana fondata con una dozzina di imprenditori che oggi sono diventati oltre 200.
I proprietari delle aziende che liberamente vi aderiscono, decidono di improntare tutta la vita aziendale alla cultura di comunione, mettendo in comune i profitti secondo tre scopi e con pari attenzione: aiutare le persone in difficoltà, creando nuovi posti di lavoro e sovvenendo ai bisogni di prima necessità, iniziando da quanti condividono lo spirito che anima il progetto; diffondere la cultura “del dare” e dell’amore senza la quale non è possibile realizzare un’Economia di Comunione; sviluppare l’impresa, che deve restare efficiente pur se aperta al dono al di là di ogni confessione religiosa.
Se non c’è lavoro bisogna inventarlo partendo dai bisogni degli altri, suggerisce Livio Bertola rivolgendosi ai giovani. Lo abbiamo incontrato a Pesaro in occasione dell’incontro “Una nuova umanità al lavoro: esperienze in atto” promosso dagli Uffici Pastorali per i problemi sociali e il lavoro con gli Uffici delle Comunicazioni Sociali della Metropolia di Pesaro, Fano e Urbino.
(Montaggio di Roberto Pieri)

CONDIVIDI › Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page